Come diventare un trader professionista nel 2021? Suggerimenti e consigli pratici

October 14, 2021

La professione di trader istituzionale è fatta da persone qualificate che, normalmente, hanno completato un ciclo di studi universitari specializzandosi nel campo dell’economia e della finanza. Sebbene dagli anni 2000 la proliferazione di broker online e piattaforme di trading abbia contribuito a democratizzare il settore, l’accesso al mercato come trader professionisti non è cambiato nella stessa maniera. 

I diplomi universitari possono rendere più facile l’accesso ad alcune prestigiose società di tI diplomi universitari possono rendere più facile l’accesso ad alcune prestigiose società di trading. Un ottimo punto di partenza se vuoi diventare un trader indipendente è quello difare almeno un po‘ di formazione online. In questo articolo, ti diamo alcuni suggerimenti interessanti da seguire.

Chi è il trader?

Il trader è colui che acquista o vende titoli, per sé o per un’altra entità o un cliente. Interviene in vari mercati per negoziare al fine di far crescere il suo capitale o il capitale a lui assegnato. La differenza tra un trader e un investitore è il periodo di tempo in cui questi detiene gli strumenti finanziari che negoziano. Mentre gli investitori mantengono i loro investimenti per diversi anni, i trader adottano un approccio a breve termine e possono acquistare un asset per rivenderlo nella stessa sessione di trading.

Il trader professionista è colui che svolge questo genere di attività speculativa come lavoro e non come passatempo o integrazione del proprio reddito. Per seguire questo percorso di carriera, chiunque fosse interessato può prima avvicinarsi al mondo della finanza con curiosità, per poi decidere di ottenere diplomi e lauree legati al settore.

Qualità per diventare un trader professionista

Fare trading da professionista richiede una rigida preparazione in materia, idealmente tramite uno dei tanti ottimi percorsi universitari disegnati per comprendere il mondo della finanza. Tradizionalmente, viene considerata una buona idea partire da studi in materia economica per comprendere il funzionamento di un sistema economico-politico e valutario, per poi approcciare il mondo dei mercati e lo studio della matematica finanziaria.

DiveVi sono però qualità generali che, al di là del titolo di studio, possono essere considerate fondamentali per avere successo in questo settore, come illustrato di seguito.

Sii paziente

Con molte opportunità di trading ogni giorno guardando i grafici o analizzando il mercato, non è sempre facile rimanere pazienti e seguire il tuo piano di trading. I trader sono spesso desiderosi di aprire posizioni che si rivelano irrilevanti.

Inoltre, hanno difficoltà ad aspettare che i loro obiettivi vengano centrati e quindi chiudono troppo presto le loro posizioni vincenti. Se vuoi fare trading in maniera professionale, devi imparare ad essere paziente. I trader professionisti devono avere una pazienza maggiore del normale.

Sii persistente

Se non sei persistente, rinuncerai al trading troppo presto. Il trading è abbastanza difficile e, contrariamente alla credenza popolare, non si guadagnano milioni dall’oggi al domani. Ci vorranno perseveranza e pazienza per testare diversi metodi e approcci che potrebbero non funzionare, finché non troverai quello che funziona per te e che è redditizio per te nei mercati.

Formazione

In linea generale, è possibile trovare online formazione di trading di qualità. Devi avere la volontà di avere successo. Questo ti spingerà ad ampliare le tue conoscenze attraverso corsi di laurea, materiale online, ma anche leggendo libri sul trading. Ci sono innumerevoli risorse in rete che possono essere utili per te.

Avere un buon livello in inglese

L’inglese è la lingua degli affari e anche del trading. Inoltre, molte espressioni gergali non sono tradotte nel campo dell’analisi tecnica. La buona conoscenza della lingua inglese ti consente di leggere e decifrare qualsiasi analisi tecnica o fondamentale effettuata da un analista anglosassone su un dato asset.

Avere abbastanza capitale

La professione di trader indipendente è il sogno di molti aspiranti trader. Tuttavia, la sfida principale resta il trading di capitale. Devi avere il capitale per fare trading senza assumere troppa leva finanziaria per preservare il tuo capitale, ma potrebbero anche esserci mesi in cui non realizzi un profitto. Cosa farai per coprire le tue varie spese in questo caso? È per questo motivo che devi avere abbastanza capitale per poter sopravvivere nei momenti difficili.

Con un capitale inferiore a $ 100.000, non è possibile guadagnarsi da vivere con il trading. Al di sotto di questo capitale, rischi di prendere grossi rischi per coprire tutte le tue spese, che possono compromettere la tua gestione del denaro.

Tuttavia, ciò non significa che devi avere $ 100.000 per fare trading. Puoi iniziare con un capitale molto più piccolo con l’obiettivo di crescere nel tempo.

La professione di trader professionista (istituzionale)

Per diventare un trader professionista che lavora per un istituto finanziario la strada è lunga e complicata. Dovrai seguire un’istruzione universitaria, attraversare diverse fasi e molto probabilmente fare networkingcon persone influenti nel campo.

Il trading istituzionale ha molti vantaggi. È una forma di trading in cui hai più risorse per avere successo nei mercati.

Inoltre, è più facile diventare milionario facendo trading per un’istituzione che negoziando per te stesso. Vedrai il motivo in seguito con il sistema bonus.

Per diventare un trader istituzionale, oltre alle qualità che abbiamo visto, ecco la strada da seguire.

Frequenta una Business School specializzata in finanza

È molto difficile entrare in una banca come trader professionista senza diplomarsi in una delle migliori scuole di finanza. Tuttavia, i trader istituzionali non sono necessariamente i migliori performer. Ti diremo di più di seguito, a quali scuole puoi aderire per raggiungere i tuoi obiettivi di carriera.

Va notato, tuttavia, che sempre più società di proprietary trading assumono operatori in base alle loro prestazioni. Se le tue performance di trading passate sono buone, puoi rivolgerti a queste aziende.

Passa attraverso un broker

Le società di intermediazione sono più facili da integrare. Ma anche qui molto spesso avrai bisogno di una laurea. I broker sono un ottimo modo per iniziare la tua carriera di trading.

In effetti, la maggior parte dei trader istituzionali passa prima attraverso società di intermediazione più piccole. Attraverso un broker scoprirai più facilmente come funzionano i mercati finanziari, e in particolare il market making.

Posizioni del trader

In un istituto finanziario esistono diversi tipi di posizioni di trading. A seconda del tuo background e della tua laurea puoi occupare posizioni molto diverse. Esistono principalmente tre tipi di posizioni: front office, middle office e back office. 

Front Office

In una banca d’investimento il front office è una posizione in cui si interagisce direttamente con i clienti sia privati ​​che istituzionali. Sarai quindi un venditore di prodotti di investimento in una sala di negoziazione. Sarai responsabile tra l’altro di trovare controparti, piazzare ordini sui mercati, speculare, svolgere il ruolo di intermediario, ecc.

Middle Office

L’agente di middle office è prima di tutto un risk manager. Allo stesso tempo, è un analista che comprende le dinamiche di mercato e può eventualmente informare il front office su volumi importanti, livelli di prezzo, ecc. Il middle office garantisce inoltre che i trader all’interno dell’azienda rispettino le regole di trading e il livello di rischio stabilito dall’istituto finanziario.

Back Office

In una trading room, il back office gestisce la parte amministrativa. La tua attività di back office consiste nell’analisi e nel controllo delle varie posizioni assunte dal front office. Sono previste anche attività contabili.

Salario di un trader

Lo stipendio di un trader istituzionale varia. In media, i trader guadagnano ben oltre $ 100.000 all’anno. Tuttavia, a seconda delle loro prestazioni, possono ricevere bonus che possono ammontare a più volte il loro stipendio annuale.

Negli Stati Uniti, i trader di Wall Street hanno uno stipendio medio superiore a $ 200.000. I più esperti guadagnano in media $ 300.000. Con i bonus sono facilmente milionari, senza rischiare il proprio capitale e senza correre rischi eccessivi.

Cercasi profili di trader

Esistono diversi tipi di profili di trader. Alcuni sono tradizionali, altri invece sono più esigenti e richiedono conoscenze che vadano oltre il trading.

I Trader Quant

Viviamo in un’era in cui le strategie di trading sono sempre più automatizzate. Il trading algoritmico sta prendendo sempre più posto nelle varie borse mondiali sia per il trading di azioni, materie prime, Forex o derivati. Secondo una ricerca condotta da ResearchAndMarkets.com, il trading algoritmico raggiungerà un tasso di crescita annuale del 10% tra il 2018 e il 2022.

Ecco perché i quanti sono i trader più ricercati sul mercato. In quanto trader quantistico, sviluppi programmi di trading automatizzato per il trading ad alta frequenza o il trading quantitativo.

▸Profilo di un trader quant

Il quant è soprattutto un buon matematico. Se aspiri a diventare un trader quantistico, devi avere una conoscenza approfondita della matematica e della programmazione informatica. Ovviamente l’aspetto finanziario non è da trascurare. Dovrai quindi essere molto a tuo agio con i numeri. Inoltre, può essere richiesta la conoscenza della probabilità e della statistica.

Il trader proprietario o “prop trader”

Questo è uno dei lavori meglio pagati al mondo se hai successo. Il prop trader fa trading con i fondi dell’istituto finanziario che lo impiega. Il prop trader deve comunque rispettare le regole stabilite e limitare il rischio. È una professione rischiosa che richiede molti anni di esperienza.

▸Profilo di un prop trader

Questo tipo di trader deve avere una solida conoscenza dei mercati finanziari. Ma soprattutto, padroneggia un particolare metodo di trading. Il prop trader è spesso uno specialista in un determinato approccio.

Inoltre, le istituzioni non reclutano trader “generici” che, ad esempio, operano contemporaneamente sul Forex e sui mercati azionari; questi mercati hanno dinamiche diverse.

Un giovane laureato in una business school viene raramente reclutato per il prop trading istituzionale, perché è una professione che richiede una buona esperienza nei mercati. I prop trader hanno in genere oltre 10 anni di esperienza.

Il Market Maker

Il market making non è un lavoro difficile, la maggior parte dei giovani trader istituzionali inizia da lì. Il market maker non specula sull’evoluzione dei prezzi degli asset, ma è un intermediario. Semplicemente acquista o vende titoli ai clienti con l’obiettivo di realizzare un profitto sullo spread che è la differenza tra il prezzo di acquisto e il prezzo di vendita di un asset. Il market maker quindi mantiene la liquidità nel mercato.

▸Profilo del market maker

Il market maker è diverso dagli altri tipi di trader in quanto non realizza un profitto in base alle fluttuazioni del mercato, ma trae vantaggio dalle transazioni che conclude. Il market maker deve essere proattivo e in grado di prendere decisioni rapidamente. Inoltre, la gestione del rischio è al centro del market making, perché devi proteggere le posizioni che assumi.

Commodity Trader 

Trader e broker in genere trader per banche di investimento e trader derivati ​​su materie prime. Questo mercato è complesso perché le materie prime sono la base di qualsiasi economia. La fluttuazione dei prezzi delle materie prime influisce sul prezzo dei beni di consumo.

▸Profilo del trader di materie prime

Il trader dovrebbe essere un acuto analista fondamentale. Si tratta di un ambito strettamente legato alla politica economica dei maggiori paesi importatori ed esportatori di materie prime. Il commodity trader segue da vicino la politica internazionale, le diverse tensioni politico-economiche e l’evoluzione dell’industria manifatturiera. Tutti questi fattori hanno un impatto sulla domanda e sull’offerta di materie prime.

Formazione per trader – Studi per diventare un trader

Per diventare un trader istituzionale, sono diverse le prestigiose scuole a cui puoi iscriverti. Alcune università, in particolare quelle americane, sono le prime scelte quando si tratta di reclutare da grandi istituzioni finanziarie come JPMorgan o Goldman Sachs. La selezione in queste università è invece molto rigorosa.

Le grandi istituzioni sono anche in partnership con alcune università per avere il privilegio di reclutare prima i migliori laureati. Ad esempio, Goldman Sach recluta circa 25 laureati presso l’Università della Pennsylvania, inclusa la sua prestigiosa scuola, Wharton Business School.

Altre università, come Cornell, Harvard e la New York University sono apprezzate anche dalle istituzioni finanziarie.

In Inghilterra, alcune scuole universitarie producono buoni trader istituzionali. Tra questi, conserviamo la Saïd Business School di Oxford, i cui laureati si trovano spesso nelle varie sale trader di Londra. L’ Imperial College Business School di Londra e la London School of Economics offrono anche master in finanza apprezzati dalle principali banche.

Hai davvero bisogno di un MBA o di un CFA per diventare un trader istituzionale?

Se vuoi diventare un trader istituzionale, le principali scuole di finanza sono un buon punto di partenza. I diplomi acquisiti ti permetteranno di integrare più facilmente istituzioni finanziarie e scalare la scala del mondo della finanza.

Tuttavia, l’accesso alle scuole della Ivy League non è alla portata di tutti. Fortunatamente, molte di queste scuole mettono a disposizione dei propri studenti una serie di vantaggiose borse di studio che possono ridurre il peso delle tue spese di istruzione. 


I migliori trader del pianeta

I mercati finanziari hanno visto trader e investitori eccezionali nel secolo scorso. Alcuni di loro continuano a funzionare bene dopo decenni.

In questo articolo scoprirai chi sono i migliori trader istituzionali e indipendenti. Alcuni hanno iniziato con una piccola quantità di capitale, altri invece hanno ottenuto la loro performance da zero utilizzando solo il capitale di altri investitori.

Il miglior tipo di istituto per trader e investitori

Hedge fund: Bridgewater

Hedge fund: Bridgewater

Un hedge fund è un istituto finanziario che utilizza un fondo comune per investire nei mercati. Il suo obiettivo è generare valore aggiunto per i propri clienti utilizzando diversi tipi di strategie di investimento. Gli hedge fund sono costituiti da gestori di fondi che operano in tutti i tipi di mercato e utilizzano prodotti differenti.

Gli hedge fund sono importanti partecipanti ai mercati finanziari. Secondo una ricerca condotta ogni anno da LCH Investments, un hedge fund con sede a Londra, i principali gestori di hedge fund del mondo hanno guadagnato 208,8 miliardi di euro escluse le commissioni di negoziazione nel 2018.

Tra gli hedge fund con le migliori prestazioni, Bridgewater Associates si distingue. L’hedge fund ha guadagnato più di 51,7 miliardi di euro dalla sua creazione nel 1975.

Bridgewater è stata fondata da Ray Dalio, che è allo stesso tempo il suo presidente. L’hedge fund ha sede nel Connecticut, Stati Uniti. Bridgewater è stato l’hedge fund con la permanenza più notevole tra il 2000 e il 2005. L’hedge fund non passa inosservato e interessa molti investitori.

In effetti, il loro fondo ha un ROI del 25% all’anno tra il 2001 e il 2010, il che è davvero eccezionale. Nel 2018, Ray Dalio e i suoi collaboratori hanno generato 7,2 miliardi di euro per i loro clienti.

Proprietary trading: DRW Trading

Proprietary trading: DRW Trading

A differenza degli hedge fund che generalmente investono per i propri clienti, le società di proprietary trading investono il proprio capitale nei mercati. Possono utilizzare diversi approcci di trading, incluso il trading ad alta frequenza.

Queste aziende generalmente non rivelano la loro performance. Ma tra quelli che spiccano c’è il trading DRW.

DRW è stata fondata da Don Wilson, un ex trader di trading floor del Chicago Mercantile Exchange (CME) negli anni ’80. L’azienda è uno dei pionieri nell’adattamento dei mercati finanziari alla tecnologia, soprattutto per quanto riguarda la ricerca e la gestione del rischio. 

Come la maggior parte delle società di trading, DRW gioca la carta della discrezione quando si tratta delle loro prestazioni. Ma secondo i risultati pubblicati alla Companies House, la sua filiale DRW INVESTMENTS LLC ha incassato nel 2017 più di 436 milioni di euro lordi.

Banca: Goldman Sachs

Banca: Goldman Sachs

Dal lato bancario, Goldman Sachs mostra una perfetta coerenza nei mercati. È una delle banche di investimento di maggior successo al mondo con una capitalizzazione di mercato di quasi 67 milioni di euro. La banca genera grandi entrate sui mercati attraverso i suoi vari servizi. 

Goldman Sachs è stata fondata a New York nel 1869 da Marcus Goldman, un banchiere tedesco emigrato negli Stati Uniti nel 1848. La società è diventata pubblica nel 1906 e ha fatto numerose acquisizioni mentre cresceva fino a diventare un gigantesco istituto finanziario.

Goldman ha guadagnato notorietà sui mercati durante la crisi del 2008. Mentre i mercati finanziari hanno attraversato un periodo buio, la banca aveva poi guadagnato più di 32,7 miliardi di euro nello stesso anno.

Trader indipendente: Richard Dennis

È molto difficile ottenere prestazioni eccezionali operando in modo indipendente. Richard Dennis, tuttavia, si distingue per la sua performance. Durante il trading sui mercati dei futures negli anni ’70, Richards ha trasformato il suo conto di trading da € 360 (un importo preso in prestito) a € 180 milioni!

Richard ha iniziato la sua carriera de trader nelle sale di negoziazione del Chicago Mercantile Exchange all’età di 17 anni. Continuerà come trader indipendente al Mid America Commodity Exchange, una ex borsa dei futures con sede a Chicago, dove ha scambiato principalmente materie prime. Entro due anni era già milionario all’età di 26 anni scambiando il suo piccolo capitale di partenza.

Tuttavia, Richard non ha avuto lo stesso successo con l’hedge fund che ha avviato. La sua gestione del rischio era carente e ha subito perdite superiori al 50%, il che è inaccettabile quando si scambiano fondi di altri investitori.

Trading automatizzato: Virtu Financial

Trading automatizzato: Virtu Financial

Oggi, quando parliamo di trading automatizzato, ci riferiamo più spesso al trading ad alta frequenza. Questo metodo di trading consiste nello sviluppo di programmi in grado di negoziare automaticamente i mercati. Rispetto a ciò che fanno i trader al dettaglio con EA e Metatrader, la particolarità dei programmi di trading ad alta frequenza è che scambiano un gran numero di ordini su intervalli di tempo dell’ordine dei centesimi di secondo.

Nel settore del trading ad alta frequenza, la società di negoziazione proprietaria Virtu Financial si distingue per le sue prestazioni. Ha sede a New York e sviluppa le proprie tecnologie di trading ad alta frequenza. Virtu opera in più di 230 mercati in tutto il mondo.

Virtu è stata fondata nel 2008 da Vincent Viola, laureato a West Point, una delle scuole militari più prestigiose degli Stati Uniti. Virtu Financial ha trasformato il modo in cui funziona il trading. In effetti, nel settore del trading ad alta frequenza, nessuna azienda ha ottenuto risultati altrettanto positivi di Virtu Financial.

Possono elaborare fino a 5 milioni di transazioni al giorno con una gestione del rischio molto rigorosa. Nel 2014, la società di trading ad alta frequenza ha affermato che tra gennaio 2009 e dicembre 2013, ha subito solo una sessione di trading perdente, su 1238 sessioni! Gli aspiranti trader che cercano di entrare nel trading algo dovrebbero saperne di più su Virtu.

I migliori trader e investitori per tipo di asset

Materie Prime: Jim Rogers

Merce: Jim Rogers

Jim Rogers ha costruito la sua notorietà nei mercati delle materie prime e ha persino creato i suoi indici: il Rogers International Commodity Index (RICI) e il Rogers Global Resources Equity Index (RGREI). 

Jim è nato nel 1942. Ha co-fondato gli hedge fund Georges Soros, il fondo Quantum nel 1973 e il fondo Soros nel 1969. Ha imparato a fare trading negli anni ’60 mentre era con Dominick e Dickerman, una banca di investimenti con sede a New York .

Accanto a Georges Soros, il fondo di Jim ha raggiunto una performance del 4200% nell’arco di 10 anni.

Ma Jim non è solo un investitore, è un avventuriero. Con la moglie Paige Parker detiene il record di Guinness per il maggior numero di paesi visitati durante il giro del mondo tra gennaio 1992 e gennaio 2002. Hanno attraversato 114 paesi con la loro Mercedes fuoristrada personalizzata.

Mercati azionari: Warren Buffett

Mercati azionari: Warren Buffett

Se stai cercando chi è il miglior investitore di tutti i tempi su Internet, incontrerai senza dubbio Warren Buffett. Quest’uomo potrebbe essere nato un investitore perché ha acquistato la sua prima quota all’età di 11 anni! Suo padre aveva fondato lui stesso una società di intermediazione e Warren seguiva da vicino ciò che gli investitori facevano quando accompagnava suo padre al lavoro.

Fu alla Columbia Business School che Warren incontrò Benjamin Graham, un economista e professore presso la stessa università. È stato attraverso il corso di Graham sull’analisi del valore intrinseco aziendale che Warren ha sviluppato il suo modo di analizzare le società e trovare le migliori opportunità di investimento. Dice il libro di Graham The Intelligent Investor ha plasmato la sua visione di analista dei fondamentali di mercato.

Warren ha creato la sua prima azienda, che ha chiamato Buffett Associates nel 1956. Ha stabilito diverse partnership inizialmente con alcuni membri della sua famiglia e amici. Il suo obiettivo era usare il capitale degli altri per costruire il suo impero. Warren Buffett ha fatto fortuna scambiando le azioni di diverse società in vari settori.

Nel 1962, ha acquistato la società Berkshire Hathaway, che ha trasformato in una holding. Una delle prestazioni più notevoli del Berkshire è stata l’acquisto dell’1,3% di PetroChina per 488 milioni di dollari nel 2003. La società ha venduto la sua quota nel 2007 con un profitto di 3,6 miliardi di dollari.

Forex: Georges Soros

Forex: Georges Soros

Quando si parla di Forex, la leggenda del settore è Georges Soros. È uno dei migliori investitori di tutti i tempi insieme a Warren Buffett.       

Goerges Soros è ungherese-americano nato nel 1930. È una delle persone più ricche del mondo con un patrimonio netto di oltre 7,1 miliardi di euro. Tuttavia, ha donato la maggior parte della sua fortuna alla fondazione Open Society da lui stesso fondata. L’associazione senza scopo di lucro sostiene la democrazia ei diritti umani in tutto il mondo.

Soros proviene da una famiglia ebrea della classe media di Budapest. Dopo la seconda guerra mondiale, ha studiato alla London School of Economics. Nel 1973, in collaborazione con Jim Rogers, ha creato il suo hedge fund, il Quantum Fund.

La personalità di Soros è piuttosto controversa. Divenne noto il 16 settembre 1992, un giorno chiamato “mercoledì nero” nel Regno Unito. Quando il Regno Unito è stato costretto a lasciare il sistema monetario europeo, Soros aveva speculato sulla caduta della sterlina prendendo posizioni corte nella valuta. Con una posizione cumulativa di 10 miliardi di sterline, il gestore aveva realizzato un guadagno di circa 1 miliardo di euro.

Futures: Paul Rotter

Paul Rotter è uno scalper nei mercati dei futures tedeschi, in particolare l’Eurex che è il principale mercato delle opzioni e dei futures in Europa. Lo stile di trading di Paul è eccezionale. Può infatti effettuare più di 100 ordini di acquisto e vendita al giorno e tutti manualmente. Compra e vende questi strumenti finanziari in pochi secondi.

Paul è stato un trader tranquillo per molto tempo e alcuni hanno persino dubitato della sua esistenza. Secondo alcune fonti, è un cittadino ceco residente in Germania. Altri ipotizzano che sia un trader irlandese. In ogni caso, il suo metodo di trading è controverso. In effetti, alcuni trader lo hanno anche accusato di essere responsabile delle loro perdite perché, dicono, Paul sta manipolando i futures sui titoli di stato tedeschi.

Secondo la leggenda, il suo metodo di scalping gli ha fatto guadagnare una media di $ 70 milioni all’anno per 10 anni.

Opzioni: Blair Hull

Blair Hull è un investitore americano nato nel 1942 in California. Hull lavora nel settore trading da oltre 40 anni. È noto per aver guadagnato milioni di dollari scambiando contratti di opzioni su indici azionari alla Borsa di Chicago.

È anche considerato uno dei migliori trader di tutti i tempi, in particolare per quanto riguarda le opzioni, un prodotto per il quale ha ricevuto numerosi riconoscimenti tra cui il “Joseph W. Sullivan Options Industry Achievement Award”. Il premio premia gli operatori del mercato che hanno notevolmente contribuito allo sviluppo delle opzioni sul mercato americano.

Hull ha iniziato la sua carriera come market maker presso la Pacific Stock Exchange di San Francisco (chiusa nel 2006). La sua società di trading, Hull Trading Company fondata nel 1985, è stata una delle prime a utilizzare un sistema completamente computerizzato per il trading di derivati. Ha poi venduto la sua attività a Goldman Sachs nel 1999.

Criptovalute: Winklevosses

Criptovalute: Winklevosses

Tyler e Cameron Winklevoss hanno creato lo scambio di criptovaluta Gemini nel 2014. Sono anche tra i primi ad adottare e investire in Bitcoin. I fratelli Winklevoss sono noti per aver citato in giudizio Mark Zuckerberg per aver rubato la loro idea di creare Facebook. Nel 2011, dopo aver vinto la causa, hanno ricevuto $ 65 milioni di risarcimento.

I Winklevoss hanno quindi avuto l’idea geniale di investire 11 milioni dei loro guadagni su Bitcoin che nel 2013 veniva scambiato a circa $ 120. Hanno quindi tenuto uno dei più grandi portafogli Bitcoin. Durante la bolla del mercato nel 2007, i fratelli Winklevoss sono diventati miliardari quando il prezzo del Bitcoin è salito sopra i $ 15.000.

I gemelli detengono ancora i loro Bitcoin. Credono che la criptovaluta abbia ancora molto spazio per la crescita.

Conclusione

I migliori trader istituzionali hanno tutti un approccio in comune. Investono contro il sentimento del mercato quando le loro posizioni sembrano molto rischiose. Inoltre, non hanno un approccio a breve termine, ma mantengono le loro posizioni a medio e lungo termine.

Questi sono i due comportamenti da adottare se si vogliono ottenere performance eccezionali sui mercati. Jesse Livermore, che è anche uno dei trader leggendari, ha detto che si guadagna sui mercati non facendo trading, ma mantenendo le proprie posizioni.

Abile Trader
Logo