La Finanza Decentralizzata (DeFi) tra i Settori Crypto Più Colpiti da Hacker e Truffe

Decentralized Finance (DeFi)

Il settore della finanza decentralizzata (DeFi) è una delle aree più vulnerabili nel panorama delle criptovalute. I rapporti indicano che gli hack, le truffe e le altre attività dannose legate alla DeFi sono in aumento perché offrono ricompense lucrative agli hacker e ai truffatori.

Il problema sta diventando così grave che la Securities and Exchange Commission (SEC) statunitense ha recentemente lanciato un avvertimento agli investitori sui rischi del trading di asset digitali, in particolare quelli legati alla DeFi.

Questo include problemi come gli attacchi di flash loan, i rug pull, le truffe di liquidity farming e altre forme comuni.

Analisi del Rapporto Beosin Sulla Sicurezza Globale Web3 2022

Secondo il rapporto Beosin sulla Global Web3 Security 2022 la finanza decentralizzata (DeFi) è emersa come uno dei settori crittografici più colpiti da hacker e truffe.

I risultati mostrano che il settore DeFi è stato preso di mira dagli hacker più di ogni altro settore crittografico, rappresentando quasi il 70% di tutti gli incidenti di sicurezza. Insomma, comprare Cardano e altri token del mondo DeFi richiede molta attenzione.

La categoria più colpita è stata quella delle borse decentralizzate (DEX) che ha rappresentato quasi la metà di tutti gli incidenti segnalati. Questi attacchi miravano principalmente a rubare i fondi degli utenti e le informazioni sensibili dai portafogli DEX.

Il rapporto ha rilevato che i contratti intelligenti vulnerabili sono un altro dei principali obiettivi dei malintenzionati. I contratti intelligenti sono pezzi di codice che si auto-eseguono quando si verificano determinate condizioni e gli hacker sono stati in grado di sfruttare le loro vulnerabilità con risultati disastrosi. Oltre il 50% di tutti gli incidenti di sicurezza segnalati nel settore della DeFi ha coinvolto smart contract vulnerabili.

Perché i Progetti DeFi Sono Attraenti per Gli Hacker

I progetti di DeFi hanno in genere un codice sorgente aperto e operano su una blockchain pubblica e questo rende più facile per gli hacker trovare criticità nel sistema.

Altri punti deboli sono:

  • Vulnerabilità nel codice dei progetti DeFi.
  • Rischio sistemico e finanziario associato ai progetti DeFi.
  • Natura non regolamentata dei progetti DeFi, che li rende esposti alle frodi e alle manipolazioni da parte di malintenzionati.

Gli hacker sono così in grado di approfittare della mancanza di supervisione nello spazio della DeFi e di singoli utenti o progetti.

La carenza di regolamentazione rende inoltre difficile per le vittime cercare aiuto dopo il fatto poiché le tutele legali disponibili sono poche.

Come Proteggere i Beni Digitali

Nel caso della finanza decentralizzata (DeFi) gli utenti devono adottare alcune misure supplementari per garantire la sicurezza dei loro fondi:

  1. Utilizzare solo piattaforme DeFi affidabili che sono state sottoposte a rigorosi controlli e test di sicurezza.
  2. Depositare i fondi solo nei portafogli verificati dalla piattaforma.
  3. Conservare scrupolosamente le proprie chiavi private.

Previsione per la DeFi nel 2023

Il futuro della finanza decentralizzata (DeFi) è ancora incerto, ma è chiaro che le vulnerabilità della sicurezza e le minacce informatiche rimarranno un problema critico.

Con l’evoluzione del settore, hacker e truffatori saranno in attesa di sfruttare eventuali punti deboli nei protocolli e negli smart contract della DeFi.

Sono stati sviluppati diversi protocolli e progetti per assicurare i fondi degli utenti in caso di hacking o altre attività dannose. Ad esempio, Nexus Mutual ha sviluppato un protocollo assicurativo decentralizzato che fornisce agli utenti una protezione finanziaria contro le frodi e i furti.

Esplora i migliori exchange di criptovalute

I nostri esperti di Abile Trader hanno analizzato i migliori exchange crypto per te

Nel complesso il rapporto Beosin della Commissione europea fornisce un quadro preoccupante dei rischi per la sicurezza che le piattaforme, i protocolli e i portafogli della DeFi devono affrontare.

Molto lavoro deve ancora essere fatto per rendere la DeFi più sicura e affidabile. Al fine di convincere nuove persone ad iniziare a investire in criptovalute, il mercato dovrà compiere ulteriori sforzi in materia di sicurezza.

Gianluca L.

Gianluca L.

Gianluca è un investitore e consulente nel settore delle criptovalute e della blockchain. Viene da una laurea in economia presso l'Università degli Studi di Brescia e due Master in Finanza conseguiti all'Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne. Ha alle spalle anni di esperienza nel mondo della consulenza presso Ernst & Young (EY), e lavora come osservatore independente nel mondo dei mercati finanziari.

Abile Trader
Logo