L’Impatto della Paura della Recessione sul Dollaro

Il dollaro è stato in rialzo negli ultimi tempi, ma ci sono segnali che indicano che la situazione potrebbe cambiare, come indicano le news finanziarie.

I dati mostrano che i prezzi al consumo sono saliti meno del previsto ad ottobre contribuendo ad alimentare un calo del 5% del dollaro rispetto al mese precedente considerando un dato paniere di valute, il più grande calo mensile dal 2010.

Nei mercati dei futures gli operatori speculativi sono passati a una posizione corta netta sul dollaro americano per la prima volta in 16 mesi a novembre, secondo i calcoli della Reuters basati sui dati della Commodity Futures Trading Commission statunitense.

Il Dollaro É la Valuta Più Scambiata Secondo i Gestori di Fondi

Il dollaro rappresenta la valuta più scambiata per cinque mesi consecutivi secondo una ricerca globale condotta dai gestori di fondi.

A novembre un numero record di investitori ha dichiarato che la valuta è sopravvalutata.

Impara a investire sui mercati con Abile Trader

Segui le linee guida condivise dai nostri esperti

Un sondaggio Reuters condotto su 66 strateghi dei cambi ha suggerito che il dollaro rimarrà al livello attuale da qui a un anno circa, e molti si aspettano che le banche centrali mondiali mantengano la valuta statunitense sotto pressione nel 2023.

Wall Street prevede che la Federal Reserve rallenti il ritmo dei rialzi dei tassi con un aumento di 50 punti base nella riunione di politica monetaria che si terrà il 14 dicembre, il che potrebbe indebolire l’appeal del dollaro sugli investitori.

Un Dollaro Più Forte Rende le Esportazioni Statunitensi Meno Competitive e Danneggia le Multinazionali Americane

Nonostante questa fase di rallentamento molti temono un rafforzamento del dollaro legato ai rischi di recessione.

Nel secondo trimestre del 2022, quasi un terzo delle società dell’S&P 500 hanno registrato un calo degli utili a causa del rafforzamento del dollaro, secondo il Wall Street Journal.

Il rally della valuta ha avuto un effetto anche sull’inflazione globale: il FMI stima che un apprezzamento del dollaro del 10% potrebbe causare un aumento dei prezzi dell’1% in tutto il mondo.

Un dollaro più forte rende i prodotti degli esportatori statunitensi meno competitivi nel mercato internazionale danneggiando le multinazionali statunitensi.

L’esposizione estera dell’S&P 500 è di circa il 30% secondo Bank of America.

I settori più esposti sono:

  • Tecnologico
  • Industriale
  • Farmaceutico
  • Aeronautico

È probabile che i guadagni del dollaro si annullino quando le condizioni economiche globali peggioreranno diminuendo i profitti operativi delle aziende americane, portando ad una recessione nel 2023 ed ad una maggiore incertezza nei mercati finanziari.

Le voci di una potenziale recessione potrebbero indurre gli investitori a tornare sul dollaro come valuta rifugio.

Una valuta statunitense più forte esercita pressioni sul prezzo del petrolio e di altre materie prime denominate in dollari rendendole più costose per gli acquirenti stranieri, in particolare per quelle società e governi stranieri che hanno contratto debiti in dollari americani.

Cosa significa la paura della recessione per il 2023

Se all’orizzonte si profila un’altra recessione gli investitori potrebbero cercare beni rifugio.

Nel frattempo la crescita economica globale sta subendo un rallentamento negli ultimi mesi a causa delle crescenti tensioni commerciali e dell’aumento delle tariffe doganali da parte degli Stati Uniti e di altri Paesi.

Gli investitori, tramite i propri broker, osserveranno con attenzione ulteriori segnali di come la valuta risponderà alle mutate condizioni.

In combinazione con le decisioni della Fed la risposta del mercato ai segnali di debolezza economica potrebbe essere un fattore chiave per determinare la direzione del dollaro nel 2023.

Prospettive Possibili

Nonostante la ripresa economica post pandemia, una recessione potrebbe essere ancora all’orizzonte nel 2023.

Se tale recessione appare probabile gli investitori venderanno asset rischiosi come azioni e obbligazioni e si rivolgeranno ad asset più sicuri facendo salire la domanda di dollari americani.

Questo farebbe aumentare il valore della moneta statunitense rispetto alle altre valute determinandone un rafforzamento nel 2023.

Gianluca L.

Gianluca L.

Gianluca è un investitore e consulente nel settore delle criptovalute e della blockchain. Viene da una laurea in economia presso l'Università degli Studi di Brescia e due Master in Finanza conseguiti all'Université Paris 1 Panthéon-Sorbonne. Ha alle spalle anni di esperienza nel mondo della consulenza presso Ernst & Young (EY), e lavora come osservatore independente nel mondo dei mercati finanziari.

Abile Trader
Logo